Non mi piaccio in foto: perché succede?

Non mi piaccio in foto: perché succede?

Quante volte hai detto "non mi piaccio in foto" in vita tua? Si tratta di una sensazione molto comune che però con un po’ di allenamento si può superare. | “Non mi piaccio in foto”: perché succede? “Non mi piaccio in foto” oppure “In foto vengo male” o, ancora, “Non mi riconosco, sembro un’altra persona” sono frasi che mi sento dire spesso durante gli incontri preparatori di un servizio fotografico di branding. Provare un senso di estraneità davanti alle proprie foto è qualcosa di normale e...

leggi tutto
Immaginazione, immaginario e immagini mentali

Immaginazione, immaginario e immagini mentali

Questi tre concetti non sono la stessa cosa e hanno funzionamenti e funzioni diversi all’interno della nostra vita. Così come nella fase creativa. Ti riassumo cosa ho scoperto finora, partendo da una frase che mi sono sentita dire spesso: “Non riesco a immaginarlo”. L’immaginazione È capitato diverse volte che le mie e i miei clienti mi dicessero di non riuscire a immaginare le fotografie che avevo in mente di scattare, partendo dalle mie parole. Senza avere dei riferimenti visivi, non...

leggi tutto
Scegliere il fotografo giusto per la tua attività

Scegliere il fotografo giusto per la tua attività

Sette indicazioni per scegliere il o la professionista per il tuo shooting di branding. E per organizzare al meglio gli scatti insieme a lui o a lei. Che tu sia una grande azienda, una libera professionista o un artigiano, ci sono alcuni punti, legati fra loro, che occorre considerare al momento di scegliere il o la fotografa adatta alla tua attività e all’esigenza specifica di comunicazione visiva per il quale la stai cercando. 1 - Definisci lo scopo delle immagini da realizzare e il relativo...

leggi tutto
Cara foto, non ti guardo e non ti credo. (O forse dovrei?)

Cara foto, non ti guardo e non ti credo. (O forse dovrei?)

Etica e fotografia, foto false e immagini cruente sui social. Se anche tu ti senti dire spesso che ormai non si sa più a cosa credere e che nessun confine è invalicabile pur di avere pubblico, in queste righe provo a spiegarti perché farsi un’opinione valida non solo è possibile ma è anche una presa di responsabilità. Partiamo dal presente: il conflitto in Ucraina Dopo venti giorni trascorsi nell’assedio di Mariupol, sono stati evacuati dall’esercito ucraino gli unici due giornalisti...

leggi tutto
Perché fare una moodboard analogica

Perché fare una moodboard analogica

Le bacheche analogiche, per me, funzionano meglio delle digitali e, lo ammetto, mi ci sono voluti anni per mettere a fuoco il motivo. Che era il più semplice di tutti: l'analogico si adatta a meraviglia al mio modo di funzionare e al mio processo di lavoro. Le mie conclusioni sono personali ma condividendole con te, spero che tu ci possa trovare uno spunto per rendere più tua una fase creativa così importante come quella dell’ispirazione. Qualsiasi lavoro tu faccia. A cosa serve una moodboard...

leggi tutto
Ritrovarsi nell’attenzione

Ritrovarsi nell’attenzione

Il libro di Jenny Odell, "Come non fare niente" ha cambiato la mia prospettiva verso la produttività, l'importanza dell'attenzione e della qualità delle relazioni. Così, ho deciso di condividere le riflessioni che ne sono nate, con la speranza che questo libro finisca anche fra le tue mani. Perché leggerlo Parlando con una buona amica, un giorno le dissi di sentirmi tirare da tutte le parti. Di avere sempre nuove richieste da gestire e di sentirmi costretta a spezzettare ogni attività in mille...

leggi tutto
Cercando di essere felice, ho finito per essere stanca

Cercando di essere felice, ho finito per essere stanca

Pensavo che la versione migliore di me fosse quella più efficiente e produttiva. Dopo l'incontro con le teorie di un filosofo coreano, non ne sono più così sicura. Incontri filosofici casuali Se, come si suol dire, due indizi fanno una prova, alla terza volta in pochi giorni in cui mi sono imbattuta in una citazione del filosofo coreano Byung-Chul Han, ho pensato che dovevo per forza approfondire il suo pensiero. I brani che avevo letto e ascoltato parlavano di bellezza e di stanchezza, due...

leggi tutto
DPI, PPI, k, M, sRGB, CMYK: cosa sono?

DPI, PPI, k, M, sRGB, CMYK: cosa sono?

DPI, PPI, k, M, sRGB, CMYK: ci sono termini e sigle in cui si incappa spesso se si ha a che fare con la fotografia, la grafica e la stampa. Se non hai la certezza di capirne del tutto il significato o se proprio non ne hai idea, ti spiego di cosa si tratta. Non è una lingua strana e nemmeno una questione di puntiglio: quando si parla di file fotografici, si incontrano delle sigle che si riferiscono a delle loro caratteristiche molto importanti. Sapere di cosa si tratta è importante per...

leggi tutto
Un habitat di fogli sparsi a terra

Un habitat di fogli sparsi a terra

Credo nelle consulenze che regalano più domande che risposte e più “dipende” che verità assolute. E questo perché ho accettato che la mia testa funziona meglio se spargo fogli sul pavimento. Vorrei ma non posso Ci provo, a preparare con largo anticipo i miei contenuti — lo giuro — ma raramente riesco a rispettare quei programmi. Che di solito si svolgono così: scrivo le mie idee su un foglio che si mischia agli altri duemilionisettecentomila presenti sulla mia scrivania finché al momento di...

leggi tutto
“Scopri cos’è quando ti sbarazzi di ciò che non è.”

“Scopri cos’è quando ti sbarazzi di ciò che non è.”

Ti racconto chi era Richard Buckminster Fuller e perché le sue parole, la sua vita e le sue opere sono per me un invito a ridare valore a un vecchio desiderio e a fare la mia piccolissima, personale rivoluzione. Richard Buckminster Fuller “Dobbiamo farla finita con l’idea che tutti devono guadagnarsi da vivere. È un fatto che oggi una sola persona, grazie alla tecnologia, è in grado di supportare e portare avanti il lavoro dove prima ne venivano impiegate mille e anche diecimila.I giovani di...

leggi tutto